Accessibilità

Fatturazione Elettronica e Conservazione Sostitutiva in Italia

Snellire i processi amministrativi: conservazione sostitutiva e fatturazione elettronica

La Fatturazione Elettronica consiste nella trasmissione telematica dei dati di fatturazione a clienti e fornitori, evitando del tutto l’utilizzo della carta. È una soluzione vantaggiosa che comporta per le aziende un risparmio pari all’80% dei costi amministrativi legati alla fatturazione, alla gestione degli archivi, all’approvvigionamento e allo smaltimento della carta e degli altri materiali di consumo, oltre a una maggiore efficienza e sicurezza dell’intero processo.

Le tecnologie Adobe per la Fatturazione Elettronica e la Conservazione Sostitutiva si adattano perfettamente alla normativa vigente. Grazie al formato ISO PDF/A, infatti, è possibile conservare a lungo termine diverse tipologie di documenti - fatture elettroniche, scritture contabili, certificati e cedolini - sia durante il ciclo attivo (emissione della fattura) che nel ciclo passivo (ricevimento).

Per la Pubblica Amministrazione in particolare, la Finanziaria 2008 (Art. 1, commi 209-213 della legge 247/07) e il relativo decreto attuativo del Ministero dell'Economia dispongono che l'emissione, la trasmissione, la conservazione e l'archiviazione delle fatture emesse nei rapporti con le Pubbliche Amministrazioni e gli enti pubblici nazionali debbano essere effettuate in forma elettronica.
Questa soluzione è obbligatoria dal 1° gennaio 2009 in Italia per tutti gli enti, le aziende pubbliche e per i loro fornitori ed è vantaggiosa per tutte le organizzazioni, in particolare per quelle con grandi volumi di fatture.

White Paper: "Le nuove frontiere della Fatturazione Elettronica"

Questo documento contiene tutte le informazioni necessarie sulla fattura elettronica 'intelligente'.
Il download, previa registrazione, è gratuito.


ARGOMENTI CORRELATI