Accessibility
 
Home / Products / Dreamweaver / Support / Release Notes
Icon or Spacer Macromedia Dreamweaver Support Center Release Notes

Macromedia Dreamweaver MX - Note sulla versione

Informazioni su Dreamweaver MX
Novit di Dreamweaver MX
Requisiti di sistema
Informazioni utili e problemi noti
     Informazioni generali
     Integrazione tra prodotti diversi    
     Informazioni specifiche per Macintosh
     Informazioni specifiche per Windows
     ColdFusion
     ASP.Net
     PHP
     JSP
     
Avvisi, condizioni e attribuzioni

 

Informazioni su Dreamweaver MX

Macromedia Dreamweaver MX uno strumento di authoring potente, aperto e di facile utilizzo, che ogni componente del team di sviluppatori pu utilizzare per creare velocemente siti Web e applicazioni Internet di alta funzionalit. Lavorando in un solo ambiente possibile creare e gestire con facilit qualunque sito Web professionale, creato in HTML, XHTML, XML, Servizi Web, ColdFusion, ASP.NET, ASP, JSP o PHP. Dreamweaver MX riunisce i noti strumenti di layout visivo di Dreamweaver, le funzionalit di rapido sviluppo di applicazioni Web di Dreamweaver UltraDev e l'ampio supporto alla modifica del codice di HomeSite.

 

Novit di Dreamweaver MX

Per una rapida panoramica sulle novit di Macromedia Dreamweaver MX, vedere le 10 funzioni principali di Dreamweaver MX. Per un elenco delle nuove funzioni e di quelle migliorate, possibile eseguire la dimostrazione interattiva delle funzioni. Per informazioni dettagliate su questa versione, vedere la Introduzione a Dreamweaver MX (in inglese).

Vedere le esercitazioni del prodotto e le molte risorse disponibili per conoscere Dreamweaver MX presso il Centro per designer & sviluppatori Dreamweaver (in inglese). Sar possibile trovare l'ispirazione giusta utilizzando suggerimenti, articoli, esercitazioni e risorse, e potenziare i propri progetti grazie a forum, esempi di codice, scambi e materiali di riferimento.

Requisiti di sistema

Windows Macintosh
Processore da 300 Mhz o superiore Intel® Pentium® II
Power Mac® G3 o superiore
Windows 98 SE, Windows Me, Windows NT® 4, Windows 2000 o Windows XP OS 9.1, 9.2.1 o OS X 10.1 o successivo
Microsoft Data Access Components (MDAC) 2.6 o successivo

Apple Macintosh Runtime per Java (MRJ) 2.2.5 o successivo

Se si utilizza Mac OS X, si dispone gi della versione minima di Java richiesta per Dreamweaver.

Netscape Navigator® o Microsoft Internet Explorer 4.0 o successivo Netscape Navigator® o Microsoft Internet Explorer 4.0 o successivo
96 MB di RAM disponibile (consigliati 128 MB)
96 MB di RAM disponibile (consigliati 128 MB)
275 MB di spazio su disco disponibile 275 MB di spazio su disco disponibile
Schermo a colori, risoluzione 800x600 o superiore (consigliato 1024x768, milioni di colori) Schermo a colori, risoluzione 800x600 o superiore (consigliato 1024x768, milioni di colori); per OS X: schermo a colori, risoluzione 1024x78

 

Informazioni utili e problemi noti

Di seguito vengono elencati i problemi noti di Dreamweaver MX al momento del rilascio di questa versione del prodotto. Per le ultime novit sui suggerimenti o sui problemi noti, visitare il Centro di assistenza per Dreamweaver.

Informazioni generali
Informazioni utili e problemi noti

Pannelli a schede inseriti nei gruppi di pannelli; sono leggermente cambiati nell'aspetto e nella funzionalit, ma l'interfaccia ancora personalizzabile. Pannelli a schede riposizionabili; ora si spostano come le pagine di un libro se si passa da una scheda all'altra. Queste modifiche sono state eseguite in conformit con le decisioni dei tribunali statunitensi. I pannelli possono essere spostati tra i gruppi scegliendo Raggruppa pannello con dal menu Opzioni della barra del titolo di ogni pannello espanso. In Dreamweaver MX e Fireworks MX anche possibile modificare i raggruppamenti di pannelli utilizzando un menu di scelta rapida: fare clic con il pulsante destro del mouse (Windows) o fare clic tenendo premuto il tasto Ctrl (Macintosh) sulla barra del titolo del gruppo di pannelli per visualizzare il menu di scelta rapida. Quando si tenta di trascinare una scheda, una finestra di dialogo ricorda di utilizzare il menu di scelta rapida o il menu Opzioni del pannello per spostare i pannelli a schede tra i gruppi di pannelli.

L'uso di Dreamweaver MX su un sistema dotato di Zone Labs ZoneAlarm provoca problemi noti. Se si verificano problemi, configurare ZoneAlarm in modo che Dreamweaver MX possa funzionare come un server e collegarsi a Internet. Se i problemi persistono, visitare il Centro di assistenza per Dreamweaver.

Il login sicuro FTP integrato con MacSSH e PuTTY per Windows per consentire il trasferimento sicuro SSH di informazioni di login dal client FTP Dreamweaver integrato. Per istruzioni dettagliate sulla creazione di un canale SSH per l'autenticazione protetta, vedere le note tecniche che seguono (informazioni in lingua inglese):
  16143 (Macintosh)
  16126 (Windows)

Vi sono molte nuove funzioni dei modelli di Dreamweaver MX e del nuovo codice dei modelli. A causa delle modifiche introdotte rispetto alle precedenti versioni di Dreamweaver, va considerato quanto segue:

  • Se si crea un nuovo modello in Dreamweaver MX, non funzioner in Dreamweaver 4 o UltraDev 4. Non sar possibile creare istanze di tale modello o applicarlo ad una pagina esistente in Dreamweaver 4/UltraDev 4.
  • Se si aggiunge una nuova area modificabile ad un modello Dreamweaver 4/UltraDev 4 in Dreamweaver MX, tale modello funzioner in Dreamweaver 4/UltraDev 4, ma la nuova area modificabile non verr riconosciuta e verr riprodotta come un commento html.
  • Se si aggiunge una nuova area modificabile ad un modello Dreamweaver 4/UltraDev 4 e si aggiornano le pagine esistenti in base a tale modello in Dreamweaver MX, le pagine basate su modello funzioneranno anche in Dreamweaver 4/UltraDev 4. Tuttavia, se si creano nuove istanze di tale modello in Dreamweaver MX, le nuove istanze non funzioneranno in Dreamweaver 4/UltraDev4.
  • Se si utilizza una nuova funzione di Dreamweaver MX in un modello (aree ripetute, contenuto opzionale e cos via) il modello non funzioner in Dreamweaver 4/UltraDev 4.
  • In alternativa, possibile scambiare liberamente modelli e pagine basate su modelli creati in Dreamweaver 4/UltraDev 4 tra Dreamweaver 4/UltraDev 4 e Dreamweaver MX. La modifica di un modello Dreamweaver 4/UltraDev 4 in Dreamweaver MX non render il modello inutilizzabile in Dreamweaver 4/UltraDev 4 a meno che non vi si aggiunga un'area modificabile o non si utilizzi una delle nuove funzioni dei modelli.
  • Accertarsi di salvare una versione di backup di qualsiasi modello creato con una versione precedente di Dreamweaver prima di modificarlo in Dreamweaver MX, nel caso in cui si dovesse tornare al file originale.

Nella Guida in linea, gli esempi di codice forniti in "Creazione di un'espressione modello" e in "Creazione di una condizione multiple-if" contengono un errore tipografico. Per utilizzare gli esempi di codice di modello per creare espressioni modello personalizzate, eliminare lo spazio prima e dopo il segno di uguale (=) per correggere il codice.

Ad esempio, il codice corretto dell'espressione modello :

<!-- TemplateExpr expr="espressione_utente" -->

Le celle vuote disegnate utilizzando la vista Layout in Dreamweaver 4 non vengono visualizzate quando la pagina viene aperta in vista Layout in Dreamweaver MX. La soluzione consiste nel ridisegnare le celle in vista Layout in Dreamweaver MX. Questo problema riguarda solo le celle di layout vuote.

L'installazione di Dreamweaver MX in una directory il cui nome di percorso contiene caratteri high-ASCII può causare dei problemi. Dreamweaver deve pertanto essere installato in una cartella con un percorso contenente solo caratteri low-ASCII.

 

Integrazione tra prodotti diversi
Informazioni utili e problemi noti

Dreamweaver MX include l'ultima versione del plugin Flash MX (r29) nella cartella Configuration. Ci significa che i filmati creati con Flash MX verranno eseguiti nella finestra del documento di Dreamweaver. Se viene resa disponibile una nuova versione del plug-in Flash, possibile aggiornarla in Dreamweaver MX, nella cartella Dreamweaver MX\Configuration\Flash Player.

Informazioni specifiche per Macintosh
Informazioni utili e problemi noti

In alcuni sistemi, al primo avvio della versione di prova di Dreamweaver MX, possibile che si riceva il seguente messaggio di errore:

Privilege: Failed to initialize
Privilege (87) for: drmet. Please re-install the product and try again.

Per risolvere questo problema, fare doppio clic sul file VSetupT, che si trova nella cartella Dreamweaver MX, quindi riavviare Dreamweaver MX. Quando si fa doppio clic su VSetupT non viene visualizzato nulla ma viene inizializzata l'installazione ed possibile avviare Dreamweaver MX. Questa operazione deve essere eseguita una sola volta.

Non possibile utilizzare Visualizza anteprima nel browser per visualizzare un documento XHTML su un Macintosh con Internet Explorer 5. Per risolvere questo problema, utilizzare Internet Explorer 5.1 o successivo.

Gli utenti di Mac OS 9.1 e 9.2 devono avere installato CarbonLib 1.5. Dreamweaver MX un'applicazione basata su Carbon che richiede la presenza del software CarbonLib 1.5 se si utilizza Mac OS 9. L'installazione di CarbonLib 1.5 viene eseguita automaticamente dal programma di installazione di Dreamweaver MX. Eventualmente, il programma di installazione di CarbonLib 1.5 pu anche essere scaricato dal sito Web di Apple al seguente indirizzo: http://docs.info.apple.com/article.html?artnum=120047.

Non possibile applicare gli stili CSS nella vista Codice all'interno di un documento ColdFusion. Per risolvere questo problema, fare clic nella vista Struttura dopo aver effettuato le modifiche, in modo da attivare la sincronizzazione tra la vista Codice e la vista Struttura. Quindi, ritornare alla vista Codice e applicare lo stile CSS.

I pannelli e le finestre sono neri quando la visualizzazione impostata su 256 colori in Macintosh OS X. In Macintosh OS X, Dreamweaver MX richiede che la visualizzazione sia impostata su Migliaia di colori o un valore superiore.

 

Informazioni specifiche per Windows
Informazioni utili e problemi noti

Dreamweaver MX non viene avviato in Windows NT e appare un messaggio di errore simile al seguente: Impossibile trovare la libreria a collegamento dinamico SHLWAPI.dll nel percorso specificato. Per correggere questo problema, installare Microsoft Internet Explorer 5.1 o successivo.

Il programma di debug di ColdFusion potrebbe non essere compatibile con alcune versioni di browser. Microsoft Internet Explorer versione 5.50.4807.2300 notoriamente incompatibile con il programma di debug di ColdFusion.

Durante l'installazione su sistemi Windows 98 con il software antivirus F-Secure in esecuzione, un messaggio di errore segnala la possibile presenza di un virus nel file codee33e.rra. Per risolvere questo problema, eseguire la patch (hotfix) 3 per FSAV 5.30, quindi installare Dreamweaver MX. La patch (hotfix) disponibile al seguente indirizzo:
http://www.europe.f-secure.com/support/top-issues/avwrks-top-issues-page_2002011000.shtml.

 

ColdFusion
Informazioni utili e problemi noti

L'installazione facilitata di ColdFusion MX funziona solo se disponibile un server ColdFusion e si sceglie l'opzione "Eseguendo modifiche e prove localmente" nella procedura guidata Definizione del sito. Se si sceglie una qualunque altra opzione, non possibile sfruttare i vantaggi delle funzione di installazione facilitata di ColdFusion MX.

Se ColdFusion MX installato e si seleziona "Eseguendo le modifiche localmente e caricando poi i file sul server di prova remoto" nella procedura Definizione del sito, Dreamweaver MX precompila il server di prova con il percorso c:\CFusionMX\wwwroot\folder\ e imposta come prefisso URL http://localhost. Se si esegue una versione standalone di ColdFusion MX, possibile modificare il prefisso URL con il numero di porta appropriato. Altrimenti, sostituire il percorso del server di prova con quello effettivamente utilizzato.

Dreamweaver MX non compila correttamente il Prefisso URL nella procedura Definizione del sito se sul sistema sono presenti sia ColdFusion MX e un altro server. La procedura guidata di definizione del sito riconosce i server ColdFusion in esecuzione sul sistema; se si sceglie di utilizzare i server ColdFusion locali, la procedura provvede a creare le informazioni del sito, includendo il percorso del server applicazioni e il prefisso URL. Se installata una versione standalone di ColdFusion MX e si sceglie di utilizzare un altro server sul proprio sistema (ad esempio IIS), Dreamweaver MX non compila correttamente il prefisso URL, bens aggiunge il percorso della cartella principale locale alla fine del prefisso URL di ColdFusion MX. Ad esempio, se la cartella principale locale "c:\inetpub\wwwroot\folder" e si sceglie di utilizzare un server presente sul sistema e diverso dal server ColdFusion MX standalone, il prefisso URL sar "http://localhost:8100/inetpub/wwwroot/folder". Per correggere questo problema, sostituire il prefisso URL indicato con quello corretto.

Per utilizzare il programma di debug di ColdFusion, necessario che Microsoft Internet Explorer 5.1 (o successivo) sia installato sul sistema.

Il codice dei comportamenti server di ColdFusion stato cambiato per Dreamweaver MX. Dreamweaver MX offre numerosi comportamenti server nuovi e migliorati. A causa delle differenze nel codice, questi nuovi comportamenti server non possono coesistere nella stessa pagina di quelli creati in UltraDev 4. Ogni file deve contenere esclusivamente comportamenti server ColdFusion di Dreamweaver MX o di UltraDev 4, non di entrambi. Nella finestra di dialogo Definizione del sito, possibile specificare se il sito conterr pagine di Dreamweaver MX, di UltraDev 4 o di entrambi i programmi. Se si seleziona l'opzione Entrambi, viene richiesto di specificare il tipo di comportamenti server che devono essere utilizzati per la creazione di ogni nuova pagina.

La funzione di ricerca file RDS non supporta i set di caratteri ASCII estesi o a doppio byte. La funzione di ricerca file RDS funziona solo con i set di caratteri ASCII semplici.

ColdFusion non riconosce i nomi delle intestazioni di colonna che contengono un carattere di spazio nei database di Microsoft Access. Per risolvere questo problema, verificare che i nomi delle intestazioni di colonna nei database di Microsoft Access non contengano caratteri di spazio.

ASP.Net
Informazioni utili e problemi noti

Quando si utilizza una connessione SQL Server, le istruzioni SQL vengono associate a parametri con segnaposto con nome anzich con punti interrogativi, come nel caso delle connessioni OLE DB. Ad esempio:

SQL Server: SELECT * FROM foo WHERE xyz=@myParam
OLE DB: SELECT * FROM foo WHERE xyz=?

Le stringhe di connessione e altre informazioni sulle connessioni persistono nel file web.config nella cartella principale del sito Dreamweaver.

Quando si creano o si modificano i tag 'add key' in web.config (per definire una connessione), assicurarsi di mantenere lo stesso ordine delle chiavi utilizzate da Dreamweaver. L'ordine dovrebbe essere:

<add key="MM_CONNECTION_HANDLER_foo" value="default_oledb.htm o sqlserver.htm" />
<add key="MM_CONNECTION_STRING_foo" value="la stringa di connessione " />
<add key="MM_CONNECTION_DATABASETYPE_foo" value="OleDb o SQLServer" />
<add key="MM_CONNECTION_SCHEMA_foo" value="stringa vuota o nome di schema" />
<add key="MM_CONNECTION_CATALOG_foo" value="stringa vuota o nome di catalogo" />

Per utilizzare i comportamenti server in ASP.NET, necessario copiare un file di tag personalizzato Macromedia nella directory bin del server di prova. possibile copiare il file facendo clic sul collegamento di trasferimento visualizzato nel pannello Comportamenti server o nel pannello Associazioni. In alternativa, possibile selezionare Sito > Trasferisci i file di supporto sul server di prova. In questo caso, viene visualizzata una finestra di dialogo che consente di scegliere il metodo di trasferimento e la posizione della directory bin del server di prova. Inserire il percorso locale/di rete o il percorso FTP della directory bin del server (ad esempio, c:\Inetpub\wwwroot\bin), quindi fare clic sul pulsante Trasferisci per trasferire i file nella directory specificata. Si noti che la finestra di dialogo non provvede automaticamente a creare la directory bin se non esiste gi; necessario creare la cartella prima di trasferire il file.

Dreamweaver non trasferisce automaticamente il file web.config o non incorpora automaticamente i propri dati di connessione nel file web.config sul server di prova o sul server remoto. Per eseguire le pagine ASP.NET che utilizzano le connessioni, potrebbe essere necessario caricare (copiare) manualmente questo file. Il problema non si pone quando si utilizzano le modalit Anteprima nel browser o Live Data, ma solo quando si esegue la pagina effettiva sul server.

Per utilizzare i tag personalizzati di Dreamweaver MX nel proprio codice ASP.NET, necessario includere la seguente direttiva all'inizio di ogni pagina .aspx che usa i tag:

<%@ Register TagPrefix="MM" Namespace="DreamweaverCtrls" Assembly="DreamweaverCtrls,version=1.0.0.0,publicKeyToken=836f606ede05d46a, culture=neutral" %>

La direttiva potrebbe essere gi inclusa nella pagina, se quest'ultima contiene anche un comportamento server di Dreamweaver. Quando si aggiungono dei comportamenti server alle pagine ASP.NET, Dreamweaver include automaticamente la direttiva "Register" quando necessaria.

Quindi, copiare il file DreamweaverCtrls.dll nella cartella bin del sito oppure nella cartella bin contenuta nell'eventuale directory virtuale che utilizza il proprio spazio dell'applicazione. anche possibile inserire la DLL nella GAC (Global Assembly Cache). Per ulteriori informazioni sulla GAC, vedere il sito Web Microsoft all'indirizzo http://msdn.microsoft.com/library/default.asp?url=/library/en-us/dnmag01/html/buildapps2.asp. Il file DLL, che contiene le istruzioni logiche per i tag personalizzati, si trova nella seguente sottocartella della cartella di Dreamweaver MX, sul disco rigido del sistema:

Dreamweaver MX/Configuration/ServerBehaviors/Shared/ASP.Net/Scripts/DreamweaverCtrls.dll

Se in precedenza sono stati aggiunti dei comportamenti server ad altre pagine ASP.NET del sito, il file potrebbe gi trovarsi nella cartella bin.

Il menu dinamico e i pulsanti di scelta dinamici generati dall'oggetto Aggiorna server aggiungono erroneamente un punto e virgola. Viene visualizzato il messaggio "Messaggio di errore di compilazione: BC30037: Carattere non valido.". Per correggere l'errore, eliminare il punto e virgola alla fine della riga. Questo problema si verifica solo nelle pagine VB ASP.NET che utilizzano i controlli modulo Web, e non invece nei normali oggetti modulo HTML.

Se si specificano delle parole SQL riservate per i nomi di colonna quando si aggiungono dei recordset o dei comportamenti server a una pagina, Dreamweaver racchiude tra virgolette le parole riservate nell'istruzione SQL per impedire che il codice venga troncato. Tuttavia, se si utilizza un database di Microsoft Access, le virgolette possono causare la troncatura del codice in fase di esecuzione. Per evitare questo problema, non utilizzare le parole riservate SQL nei nomi di colonna. Per un elenco di parole riservate, vedere il sito Web Microsoft all'indirizzo (http://msdn.microsoft.com/library/default.asp?url=/library/en-us/dndao/html/daotoadoupdate_topic16.asp).

 

PHP
Informazioni utili e problemi noti

Dreamweaver MX non compatibile con PHP versione 4.1.0 a causa di un bug in mysql_pconnect(). possibile utilizzare PHP 4.0.6 e le versioni precedenti, oppure PHP 4.1.1 e le versioni successive.

Nelle applicazioni PHP, Dreamweaver racchiude tra virgolette i nomi di colonna che corrispondono a parole riservate SQL. Tuttavia, queste virgolette non vengono contrassegnate correttamente e di conseguenza si verifica un errore in fase di compilazione. Per correggere il codice, anteporre una barra rovesciata (\) a tutte le virgolette contenute nell'istruzione SQL, oppure evitare di utilizzare nomi di colonna corrispondenti a parole riservate SQL. Le parole riservate SQL sono: catalog, data, date, day, default, desc, group, hour, identity, level, names, parameter, path, prefix, result, statement, time, value, values, year.

La guida in linea della finestra di dialogo Aggiungi parametro del tipo di documento PHP incompleta. La finestra di dialogo Aggiungi parametro consente di definire i parametri contenuti in un'istruzione SQL inserendo il valore predefinito e il valore runtime del nome del parametro. Per definire un parametro SQL per un tipo di documento PHP:

1. Inserire un nome di parametro nella casella di testo Nome.
2. Inserire un valore predefinito per il parametro nella casella di testo Valore predefinito. Il valore predefinito quello che deve essere utilizzato per il parametro se non viene restituito un valore runtime.
3. Inserire un valore runtime per il parametro nella casella di testo Valore runtime. Il valore runtime corrisponde in genere ad un parametro URL o ad un parametro di modulo inserito da un utente in un campo di un modulo HTML.
4. Fare clic su OK.

 

JSP
Informazioni utili e problemi noti

La guida in linea descrive l'operazione di introspezione di un proxy di servizio Web mediante l'architettura .NET. La stessa finestra di dialogo e la stessa procedura valgono anche per i tipi di documento JSP.

Per selezionare un lettore di classi proxy per una pagina JSP:

1. Fare clic sul pulsante pi (+) nel pannello Componenti.
2. Selezionare Aggiungi usando classe proxy dal menu a comparsa. Viene visualizzata la finestra di dialogo Aggiungi usando classe proxy.
3. Inserire nell'apposita casella di testo il percorso della cartella che contiene i file delle classi proxy. possibile individuare la cartella facendo clic sul pulsante Sfoglia a destra della casella di testo.
4. Selezionare il lettore di proxy che si desidera utilizzare dal menu a comparsa. Il lettore di proxy predefinito per i tipi di documento JSP il Lettore classi Java.
5. Fare clic su OK.

Avvisi, condizioni e attribuzioni

Questo software pu contenere software di terze parti che richiede la dichiarazione di avvisi e/o termini e condizioni supplementari. Tali avvisi e/o termini e condizioni supplementari relativi a software di terze parti sono stati inclusi e incorporati sotto forma di riferimento nel Contratto di licenza per l'utente finale (EULA) che regola l'uso di questo software.