Substance 3D nel largo consumo.

 Merci di pronto consumo

Il settore degli imballaggi rigidi e dei beni di consumo utilizza da tempo gli strumenti digitali sia nella visualizzazione dei progetti sia nella fase di produzione, ma con l'evolversi del software utilizzato per la progettazione di packaging, gli strumenti 3D stanno entrando in scena anche nelle fasi iniziali del processo di progettazione generale.

 

Gli strumenti 3D possono aumentare notevolmente l'efficienza in fase di iterazione. Se un intero progetto di packaging può essere modificato semplicemente regolando un cursore, e se il suo design può essere visualizzato con precisione in 3D, i progettisti possono comunicare le loro proposte in modo chiaro ed efficace, in tempo reale. Il risultato? Cicli di iterazione incredibilmente accelerati.

 

L'iterazione in 3D è anche una soluzione più sostenibile rispetto ai metodi di lavoro tradizionali, dal momento che i progettisti possono evitare processi di prototipazione lunghi e costosi. Oltre a non perdere tempo nell’attesa che i prototipi vengano creati e spediti, non c’è spreco di carta. I progettisti di packaging possono visualizzare il modello con i relativi tagli e gli effetti di stampa, ad esempio loghi o immagini in rilievo, interamente in 3D,  il che riduce notevolmente la necessità di campioni reali.

 

Inoltre, considerata la crescente importanza della vendita al dettaglio online e dell'e-commerce, un flusso di lavoro incentrato sul 3D risponde anche alla maggiore necessità di elementi grafici durante la progettazione del packaging. 

 

Progettare il colore e le finiture in 3D è straordinariamente semplice, perché tutte le modifiche convalidate possono essere condivise tra i vari reparti. Ad esempio, le immagini del design e le visualizzazioni dell’imballaggio si possono inviare ai team di progettazione, ingegneria e marketing fin dal momento in cui il design definitivo viene approvato. Non è necessario ricreare più volte lo stesso elemento in diversi formati: le informazioni vengono trasmesse senza problemi e possono essere utilizzate per scopi diversi, dalla fotografia virtuale a stampe pubblicitarie, vetrine online e spot animati.

 

Il kit di strumenti Adobe Substance 3D consente a grafici e designer di lavorare a progetti di packaging con la massima libertà creativa. I clienti aziendali potranno convertire i dati CAD per creare il design degli imballaggi o utilizzare qualsiasi formato comune nel kit di strumenti Substance 3D, compresi file FBX, GBL, USDZ e altri. È anche possibile creare progetti 2D in Adobe Illustrator, importarli e applicarli come decalcomanie o pattern a un modello 3D e ottenere risultati eccezionali in tempo reale grazie al tracciamento interattivo del percorso.

 

Se preferisci attingere a risorse esistenti, la libreria di risorse di Substance 3D fornisce migliaia di materiali pronti all'uso che puoi importare direttamente in qualsiasi app Substance 3D per velocizzare l’iterazione e la visualizzazione dei progetti di packaging. Usa Substance 3D Stager per applicare materiali basati su substrati (come carta, plastica o gomma) e ottenere visualizzazioni realistiche, poi premi il pulsante di rendering per ottenere uno scatto perfetto.

Quello che vedi è quello che ottieni. 

quello che vedi

Testare le grafiche in 3D è un’operazione semplice e veloce: non devi far altro che trascinare e rilasciare materiali, decalcomanie e file importati da Adobe Photoshop e Illustrator. Puoi testare velocemente diversi layout e visualizzare le tue iterazioni in tempo reale per un'esperienza di progettazione più intuitiva. La funzionalità integrata per l’esportazione delle UV ti consente di non perdere mai di vista i tagli del modello originale e i requisiti di stampa.

“Le risorse sono perfettamente in linea con il marchio e hanno un aspetto iperrealistico. Guardandole, nessuno si accorgerebbe che non sono state fotografate in modo tradizionale.”

– GAIL CUMMINGS, RESPONSABILE GLOBALE DEL DESIGN DIGITALE, BEN & JERRY’S 

Un sistema intuitivo di sovrapposizione dei materiali. 

Un materiale intuitivo

L'utilizzo di materiali PBR consente di visualizzare in modo fotorealistico qualsiasi materiale: carta, plastica, gomma, metallo, vetro e molto altro. La libreria di risorse di Substance 3D offre una vasta gamma di predefiniti e materiali pronti all'uso che puoi trascinare e rilasciare sulle tue risorse, oppure puoi importare materiali 3D da fonti di terze parti. 

 

In alternativa, puoi creare materiali personalizzati. Ad esempio, puoi utilizzare scansioni di materiali esistenti, come quelle create da Vizoo o 3D Systems, per acquisire dati da un campione di riferimento e utilizzarli per costruire il tuo materiale 3D in Substance 3D Designer. Puoi utilizzarlo così com'è o modificarlo ulteriormente, cambiandone i componenti o aggiungendo caratteristiche completamente nuove.

 

Puoi anche usare Substance 3D Sampler per creare materiali digitali personalizzati. Ti basterà scattare una foto al campione e importare l'immagine in Sampler: lo strumento la convertirà in un materiale 3D. Hai sempre la possibilità di modificare le caratteristiche del materiale, se necessario. Inoltre, puoi creare facilmente effetti aggiuntivi sovrapponendo diversi livelli.

Testa il packaging con le luci e il contesto. 

Testa il packaging

Substance 3D Stager ti consente di simulare diverse condizioni di illuminazione per migliorare il design e la leggibilità delle confezioni. Puoi importare o acquisire i tuoi ambienti illuminati oppure importare immagini di sfondo e utilizzare la funzione Come immagine per adattare automaticamente le luci e la prospettiva di queste risorse al tuo modello 3D. In questo modo, potrai visualizzare il tuo progetto nel contesto e valutarlo in base alle esigenze.

 

Ti interessa Substance 3D e vorresti iniziare a usarlo nella tua azienda? Scopri di più.