Introduzione ai contratti: i venditori possono ritirarsi?

Scopri di più sugli accordi contrattuali nel settore immobiliare, così come su ruolo, responsabilità e obblighi dei venditori.

In qualità di venditore, potresti avere diversi motivi per ritirarti da un contratto immobiliare: un’offerta di lavoro in un altro luogo che non si è concretizzata, un altro cambiamento nelle circostanze oppure motivi affettivi. Anche se ritirarsi può costare denaro, cercando un accomodamento con l’acquirente puoi evitare costi elevati o una vendita forzata.

Cos’è esattamente un accordo contrattuale?

Quando un acquirente fa un’offerta per la tua casa e tu la accetti, entrambi sottoscrivete un accordo contrattuale, cioè un documento giuridicamente vincolante tra le due parti, che definisce i dettagli dell’operazione di vendita.

Un venditore può ritirarsi da un contratto senza avere conseguenze?

Dipende. Occorre prendere in considerazione alcuni fattori.

In altri casi, possono esserci conseguenze. L’acquirente può scegliere di esentare il venditore dalla vendita, ma può comunque fare richiesta affinché copra le spese associate ai costi di chiusura. L’acquirente potrebbe anche decidere di forzare la vendita, il che può comportare un lungo procedimento legale. Se l’acquirente vince in tribunale, il venditore è legalmente obbligato a vendere la casa.

Se il proprietario non è disposto a vendere, l’agente immobiliare può consigliare altre opzioni che risultino accettabili per tutte le parti, ad esempio mettere in affitto la casa.

Scopri come creare contratti, ad esempio contratti di locazione, e molto altro con Adobe Acrobat Pro DC con firma elettronica.