Che cos’è un contratto fondiario e come funziona?

Scopri una strategia di acquisto comune nota come contratto fondiario per capire come utilizzarla per acquisti diversi, dai terreni vacanti alle abitazioni, agli edifici residenziali, fino agli edifici commerciali.

Quando si acquista una proprietà è comune richiedere finanziamenti tramite terzi; tuttavia, esiste un’opzione alternativa che ne elimina la necessità. Questo metodo di finanziamento del venditore è noto come contratto fondiario. Scopriamo come funziona e cosa serve per configurarlo.

Che cos’è un contratto fondiario?

Un contratto fondiario è un accordo giuridicamente vincolante utilizzato per l’acquisto di immobili, che funziona in modo simile a un mutuo. Puoi usarlo per acquistare terreni vacanti, appartamenti, case, edifici commerciali o qualsiasi altro tipo di proprietà disponibile in vendita.

Nella maggior parte dei casi, il contratto fondiario elimina la necessità di rivolgersi a terzi. Gli acquirenti continuano a pagare una rata mensile, proprio come per i mutui, ma invece di prendere in prestito denaro da un mutuante effettuano pagamenti diretti al proprietario o al venditore dell’immobile fino al saldo completo.

Come funzionano i contratti fondiari.

In un contratto fondiario, acquirente e venditore sottoscrivono un accordo in cui il venditore finanzia il bene immobile (qualunque sia il tipo di proprietà), mentre l’acquirente si impegna ad adempiere a quanto definito nel contratto.

Ciò offre a entrambe le parti vantaggi e svantaggi che è fondamentale comprendere prima di procedere. Per evitare confusione, la maggior parte dei contratti fondiari include dettagli quali:

Migliorare le proprie abilità contrattuali.

Cambia il tuo modo di fare affari, autorizzare documenti e firmare contratti legalmente vincolanti. Scopri tutto quello che puoi fare con Adobe Sign.