File JPEG.

Il JPEG è il formato più comune per l’archiviazione e la visualizzazione dei file di immagine. Non a caso, lo si vede un po’ ovunque su smartphone e browser web. Vieni a conoscere la storia delle immagini JPEG, scopri a cosa servono e impara come sfruttare le loro capacità di compressione.

Immagine del banner sui file JPEG

Ecco cosa imparerai.

 

  • Cos’è un file JPEG?
  • Storia del file JPEG
  • A cosa servono i file JPEG?
  • Pro e contro dei file JPEG
  • Come aprire un file JPEG
  • Come creare e modificare un file JPEG
  • Domande frequenti sui file JPEG

 

 

Cos’è un file JPEG?

JPEG sta per Joint Photographic Experts Group, un’organizzazione internazionale che ha standardizzato l’omonimo formato tra la fine degli anni ‘80 e l’inizio degli anni ‘90. Il JPEG è diventato il file di riferimento per le immagini digitali quando i fotografi hanno iniziato a scattare e archiviare immagini su fotocamere digitali e altri dispositivi di riproduzione.

 

Le immagini JPEG raggruppano le seguenti estensioni di file:

 

  • .jpg
     
  • .jpeg
     
  • .jpe
     
  • .jif
     
  • .jfif
     
  • .jfi

 

I file JPEG supportano il colore fino a 24 bit e usano la compressione con perdita di dati per ridurre le dimensioni delle immagini e renderle più facili da archiviare e inviare. Se da un lato sono più pratici da usare tutti i giorni, dall’altro sacrificano in parte la qualità dell’immagine originale.

 

 

Storia del file JPEG.

Nel 1986, la tecnologia dei monitor non era in grado di produrre contenuti grafici su schermo. Fu allora che un gruppo chiamato International Organization for Standardization (ISO) iniziò a lavorare a nuove soluzioni per portare immagini fotorealistiche sui piccoli schermi di tutto il mondo.

 

Nello stesso periodo arrivò sulla scena il Joint Photographic Experts Group (JPEG), che creò il proprio standard per comprimere i file grafici in misura sufficiente da farli funzionare su un PC medio. Questa organizzazione elaborò il concetto di compressione con perdita di dati, che rimuoveva le informazioni grafiche invisibili a occhio nudo e controbilanciava la variazione di colore.

 

I file JPEG si sono affermati con l’avvento delle fotocamere digitali e del World Wide Web. Oggi, chiunque può scattare foto e archiviarle in file abbastanza piccoli per lo spazio limitato di una fotocamera, ma con una resa grafica abbastanza buona. Il vero valore del JPEG sta nella sua capacità di memorizzare i metadati, come il luogo, la data e l’ora in cui è stata scattata una foto e persino le impostazioni della fotocamera.

 

I fotografi professionisti evitano di scattare in JPEG perché vogliono conservare tutti i dettagli dell’immagine per la post-elaborazione o la stampa, ma questo formato di file è ancora tra i preferiti del grande pubblico.

 

 

A cosa servono i file JPEG?

Un file JPEG può visualizzare 16,8 milioni di colori, nonostante le sue dimensioni relativamente ridotte, e per questo è il file di riferimento per fotografi ed editori web.

 

Visualizzazione di fotografie.

I fotografi tendono a scattare in un formato Raw per acquisire un’immagine il più accurata possibile, ma spesso condividono i frutti del loro lavoro online in formato JPEG. Grazie alle dimensioni ridotte, questo tipo di file può essere aperto più velocemente sulla maggior parte dei browser (anche sui dispositivi mobili) senza sacrificare troppo la qualità.

 

Pubblicazione sul web.

Dai grandi editori agli aspiranti blogger, tutti possono trarre vantaggio dall’utilizzo di file JPEG sul proprio sito web. La velocità di caricamento delle pagine offre ai lettori un accesso più rapido ai contenuti. In più, i file JPEG non occupano troppo spazio di archiviazione nel cloud.

 

Scopri altri file raster

 

 

Pro e contro dei file JPEG.

Il compromesso tra le dimensioni dei file e la qualità dell’immagine è il tema caldo del dibattito sul JPEG.

 

Vantaggi dei file JPEG.

  • I file JPEG sono probabilmente il formato grafico universalmente più riconosciuto e sono compatibili con la maggior parte dei browser, dei software e delle app.
  • I file sono di piccole dimensioni e possono essere trasferiti e aperti velocemente per la visualizzazione online. Attraverso il processo di compressione con perdita di dati, che elimina in modo intelligente tutti i colori che l’occhio umano non è in grado di individuare, i JPEG riducono il più possibile le dimensioni dei file, che sono dunque molto più piccoli rispetto a formati senza perdita di dati come i file GIF.
  • La post-elaborazione è più semplice, perché nei JPEG il bilanciamento del bianco e la saturazione vengono impostati quando si scatta la foto.

 

Svantaggi dei file JPEG.

  • La compressione con perdita di dati può farti risparmiare spazio, ma se le immagini sono molto compresse la qualità ne risente. Ad esempio, gli elementi grafici con linee e bordi netti perderanno parte della loro nitidezza durante la compressione.
  • La perdita di così tanti dati può causare un effetto di posterizzazione, ovvero la perdita di una transizione morbida tra i colori, dando all’immagine un aspetto più spigoloso e squadrato. Può anche provocare la comparsa di artefatti, come alias sui bordi, aloni o rumore, che possono compromettere fortemente la qualità dell’immagine. I fotografi possono evitare le potenziali insidie degli artefatti e della posterizzazione salvando le foto in formato Raw.

 

 

Come aprire un file JPEG.

Su un browser web (Windows).

Se hai trovato un’immagine interessante su una pagina web e desideri visualizzarla singolarmente, puoi aprirla in una nuova scheda. Fai clic con il pulsante destro del mouse sull’immagine (da PC) e seleziona Apri immagine in un’altra scheda o un’opzione simile.

 

Su un browser web (Mac).

Se utilizzi Safari o un altro browser sul Mac, troverai un’opzione simile a quella menzionata nel paragrafo precedente per aprire l’immagine in una nuova scheda. Tieni premuto il tasto Comando e fai clic sull’immagine per visualizzare un menu, quindi seleziona Apri immagine in una nuova scheda.

 

Da PC o disco rigido.

Il tuo computer dovrebbe avere un programma predefinito per la visualizzazione delle immagini, come Foto per Windows o Anteprima su Mac. Per aprire un file salvato sul PC, fai doppio clic sul file dell’immagine sul desktop, che verrà aperto utilizzando il programma predefinito.

 

In alternativa, puoi usare il tuo programma preferito per la visualizzazione delle foto su Windows:

 

  1. Fai clic con il pulsante destro del mouse sull’immagine presente sul desktop o nella finestra Esplora file.
  2. Scorri verso il basso fino all’opzione Apri con, quindi spostati sulla destra per visualizzare l’elenco dei programmi predefiniti con cui puoi aprire il JPEG.

 

 

Come creare e modificare un file JPEG.

Se desideri salvare un file finito in Adobe Photoshop, puoi creare un file JPEG facendo clic sul menu File e selezionando Salva con nome.

 

Puoi tornare al file in qualsiasi momento per modificarlo: ti basterà aprire Photoshop , accedere al menu File e scegliere Apri per individuare il file nella finestra Esplora file. Tuttavia, il JPEG potrebbe non essere il formato migliore per salvare i progetti in corso su Photoshop, dal momento che la compressione con perdita di dati può influire sulla qualità dell’immagine e potresti perdere alcuni effetti. In tal caso, prova a salvare il progetto in un formato alternativo, ad esempio come file PSD.

 

 

Domande frequenti sui file JPEG.

JPG e JPEG sono la stessa cosa?

Si tratta dello stesso formato, ma nelle versioni più vecchie di Windows e MS-DOS tutte le estensioni di file erano di tre lettere. Oggi non è più così.

 

In che modo la compressione JPEG riduce le dimensioni del file?

La compressione JPEG riduce le dimensioni del file modificando i valori di colore e bloccando insieme gruppi di pixel con un colore più uniforme, in modo da non doverne memorizzare tanti diversi. Oltre a ridurre le dimensioni del file, questo passaggio altera anche l’immagine reale cambiando i colori.

 

Le foto su iPhone sono immagini JPEG?

Gli iPhone più datati archiviano le foto come file JPEG, ma con l’introduzione di iOS 11 il formato predefinito è diventato il file HEIC. È possibile modificare le preferenze nelle impostazioni Compatibilità dell’app iPhoto.

 

Cosa sono i metadati JPEG?

Sono i dati EXIF (Exchangeable Image File Format) contenuti all’interno di un file JPEG, che forniscono informazioni aggiuntive all’utente, ad esempio:

 

  • Data e ora di creazione dell’immagine
  • Impostazioni della fotocamera, come marca e modello, apertura e sensibilità ISO
  • Miniatura per l’anteprima nei file manager e sullo schermo LCD della fotocamera
  • Informazioni sul copyright
     
  • Geotag che indicano dove è stata scattata la foto

 

Come posso visualizzare i metadati JPEG?

Per visualizzare i dati EXIF in Windows, fai clic con il pulsante destro del mouse sulla foto. Seleziona Proprietà, poi Dettagli e scorri verso il basso. Per visualizzare i dati EXIF su un Mac, apri l’immagine in Foto e scegli Ottieni informazioni.

Scopri di più su altri tipi di file simili ai JPEG.

Immagine del file Raw

File Raw

Preferito dai fotografi professionisti, questo tipo di file cattura le immagini in tutto il loro splendore senza filtri.

Immagine del file GIF

File GIF

Scopri di più su questo formato senza perdita di dati che supporta immagini e animazioni.

Immagine del file PNG

File PNG

Compressione senza perdita di dati e colore a 24 bit: i file PNG sono i preferiti dagli sviluppatori.

Immagine del file TIFF

File TIFF

Considerati i più grandi rivali del JPEG in passato, i file TIFF supportano la compressione con e senza perdita di dati.

Confronta i JPEG con altri tipi di file.

Immagine del confronto tra file JPEG e PNG

JPEG vs. PNG

Confronta questi due file raster e scopri quale ha la meglio.

Immagine del confronto tra file JPEG e Raw

JPEG vs. Raw

Qual è il formato migliore per l’acquisizione di immagini nella fotocamera?

Immagine del confronto tra file JPEG e TIFF

JPEG vs. TIFF

È meglio il formato TIFF o JPEG per elaborare le foto?

Immagine del confronto tra file JPEG e PDF

JPEG vs. PDF

Confronta i JPEG con il formato proprietario di Adobe e scopri qual è il migliore in termini di qualità e facilità di condivisione.

Vuoi ridurre le dimensioni di un JPEG? Scopri come comprimere un’immagine.

Lightroom

Piano Lightroom

Elabora, organizza, archivia e condividi foto ovunque ti trovi.
Gratis per 7 giorni, poi 12,19 €/mese.

Lightroom
Photoshop

Fotografia

Accedi a Lightroom, Lightroom Classic, Photoshop e 20 GB di archiviazione cloud. Gratis per 7 giorni, poi 12,19 €/mese.

Lightroom

Tutte le applicazioni

Acquista l’intera raccolta di app creative e molto altro.
Gratis per 7 giorni, poi 63,51 €/mese.