Come creare un film.

Dalla prima bozza alla post-produzione: ottieni una panoramica del processo di produzione cinematografica grazie a questi suggerimenti di filmmaker professionisti.

Le tre fasi della produzione di un film.

Sia che tu voglia realizzare un cortometraggio con un budget ridotto o un film hollywoodiano, puoi suddividere il processo di realizzazione del tuo film in tre fasi principali: pre-produzione, produzione e post-produzione. Una comprensione dell’intero processo può contribuire a garantirti di trarre il meglio dal tempo e dal denaro investito per prepararti al successo creativo.

 

Ricordati di fare i compiti in fase di pre-produzione.

Gran parte del lavoro che riguarda la produzione di un film avviene molto prima di prendere in mano videocamere o cineprese per iniziare la lavorazione.

 

Trasforma la tua idea in un copione.

La prima versione di qualunque film non è un filmato ma un copione. Se hai un’idea, scrivi lo script o assumi uno sceneggiatore. Considera l’eventuale pubblico di destinazione. Cosa desidera vedere? La tua trama attirerà la sua attenzione? Si affezionerà ai tuoi personaggi?

 

“Immagina di dover andare in giro per le strade della distribuzione a vendere il film alla gente. Devi dimostrare loro che esiste un pubblico per questo progetto”, sostiene il regista Greg Emetaz.

Un direttore dell’audio che corregge un copione alla scrivania

Scrivere una sceneggiatura significa soprattutto correggere. Mostra lo script a qualcuno di fiducia e correggilo sulla base dei feedback che ricevi. Ripeti questo procedimento un po’ di volte. Utilizza il processo di storyboard per provare l’azione, le inquadrature della videocamera e le idee per i movimenti di camera.

 

Passa allo sviluppo.

La fase di sviluppo varia a seconda delle dimensioni del film. “Nei progetti indipendenti più piccoli, questo processo riguarda per lo più la ricerca di fondi. Su quelli più grandi, uno studio potrebbe avere un’idea per un film e avere bisogno di assumere tutti coloro che possono realizzarla”, spiega Emetaz.

 

In fase di perfezionamento del copione, inizia a pensare a come trasformare quel progetto in un film. Quanto costerà girare in maniera appropriata il film che hai scritto? La prima persona da assumere potrebbe essere un produttore esecutivo, un responsabile della produzione o un assistente regista dotati di conoscenza ed esperienza in modo che possano fare una stima di quello che serve in termini di personale, set, costumi e attrezzatura.

 

“Trova qualcuno a cui piaccia la pre-produzione”, suggerisce il regista e insegnante David Andrew Stoler. “Qualcuno che si diverta a creare fogli di lavoro, fare telefonate, far incastrare le cose. Se si tratta di qualcuno con cui lavori bene e di cui ti fidi, ti sarà di enorme aiuto”.

 

Non scoraggiarti se le prime stime dei costi sono spropositatamente elevate. Puoi correggere lo script e ridimensionare le tue idee per consentire al film di rientrare nel tuo budget. “Se hai un’idea da 200 milioni di dollari, ma stai cercando di rientrare in un budget da 50.000 $, sarà difficile far funzionare le cose a meno di non voler produrre una parodia. Se il film contiene solo sequenze d’azione che comprendono il volo, ma non disponi delle risorse per realizzarle, il tuo progetto sarà destinato all’insuccesso”, spiega Emetaz.

Due persone sedute davanti a una videocamera per registrare una clip di un film

Riunisci il cast e la troupe.

Dal produttore cinematografico ai costumisti e agli scenografi: tutti dovrebbero condividere la visione del regista ed essere disposti a investire tutta la propria figura nel lavoro. (Non si disdegnano nemmeno contatti personali legati a festival cinematografici o distributori.) “La produzione è un lungo processo collaborativo e chi non supporta il gioco di squadra può diventare un vero e proprio peso per l’intero progetto”, avverte Stoler.

 

Sii chiaro sulle tue aspettative, ma cerca anche di scoprire ciò che vogliono ottenere dal film i membri della tua troupe. “Desidero davvero sapere ciò che gli piace fare di più”, afferma Stoler. “Se la gente si sente rispettata, se viene data loro un’opportunità per crescere ed espandere le proprie competenze svolgendo incarichi leggermente al di fuori della loro portata, sarà molto più propensa a fare di più e a lavorare più duramente”.

 

Ottieni il meglio dai talenti che ti circondano. “I progetti migliori sono quelli in cui il regista è il detentore della visione, ma senza imporla agli altri. Spesso ciò implica abbandonare il proprio ego e ascoltare davvero le opinioni degli altri sul da farsi”, spiega Stoler.

 

Massimizza le tue risorse.

Ci vogliono moltissimi soldi per realizzare un film, quindi ricerca il maggior numero di fondi possibile. Tuttavia, dovresti anche considerare le altre risorse a tua disposizione. “I filmmaker novelli, che devono produrre tanto con un budget davvero ridotto, potrebbero pensare ad altre risorse quali ad esempio aiuti esterni e location da sfruttare”, consiglia Stoler.

 

Preparati più che puoi.

Maggiore sarà la tua preparazione per la produzione prima che cominci, meglio starai. Secondo Emetaz “Le cose cambieranno, ma se affronti il tutto con almeno un elenco di riprese o con gli storyboard sarà molto più facile fare un’inversione di rotta all’ultimo minuto”. Se sai che una scena richiederà costumi elaborati, puoi destinare risorse in termini di tempo e di personale per vestire e svestire gli attori.

 

Attraverso una meticolosa preparazione, potrai imparare esattamente ciò che puoi fare con il tuo budget. “È molto più facile risparmiare in questa fase piuttosto che arrivare a metà della produzione e accorgersi di aver terminato i soldi”, spiega Emetaz. Stoler consiglia di creare un foglio di lavoro per ogni 15 minuti di ciascun giorno di ripresa, in modo tale che ogni membro del cast e della troupe sappia dove deve trovarsi e ciò che deve fare in qualsiasi momento. Un tale livello di pianificazione ti aiuterà anche a sapere quello che devi fare per allestire ogni location e determinare le attrezzature da noleggiare e le esigenze assicurative.

 

Se riesci, pianifica tutto il tempo di ripresa, perché ti sentirai sempre in ritardo sul set. “Aspettati che il direttore della fotografia sottovaluti il tempo necessario per fare tutto, quindi aggiungi spazio per le attività che richiedono più tempo del previsto”, consiglia Stoler.

 

Per ogni nuova breve ripresa occorre il tempo di allestirla, quindi se hai a disposizione i membri della troupe puoi optare per il multitasking. Mentre tu giri la prima scena, gli scenografi possono lavorare sulla seconda ripresa e il tuo tecnico delle luci può iniziare a valutare come sistemare al meglio l’illuminazione. La parola d’ordine è la programmazione di tutto, assicurandosi che tutti abbiano il programma. Secondo Stoler “È questa la magia dei fogli di lavoro”.

 

Consigli per una produzione di successo.

Hai messo a punto il tuo piano e assunto chiunque (o se sei a corto di budget, hai chiesto favori a tutti). Programma, location, attrezzature, costumi e scenografie sono pronti. Ora è il momento di bloccare le scene o di capire come si muoveranno gli attori rispetto alla videocamera. Durante le prove degli attori puoi sistemare e regolare le luci. Assicurati infine che la videocamera sia accesa e che i microfoni stiano registrando, per essere pronto a iniziare a girare il tuo film.

 

Improvvisa.

Secondo Emetaz “Sono sempre gli imprevisti a rovinare tutto”. Ricorda di quando provò a girare una scena in canoa per poi scoprire che l’attore non sapeva pagaiare. “Si è trattato di un enorme problema che nessuno aveva previsto. Tu sei lì a cercare di risolvere tutto ciò che serve riprendere per completare il film, ma i problemi sono sempre dietro l’angolo”.

 

Prepara sempre un piano B. Pensa a piani alternativi per gestire gli imprevisti. “È davvero una folle lotta contro il tempo, perché ogni secondo ti costa tantissimo”, aggiunge Emetaz.

Una troupe di cameraman che registra il video di una persona seduta su un tavolo all’esterno
Il set di un film che registra un attore che realizza una scatola personalizzata

Delega.

“In qualità di regista è molto complicato concentrarsi sul lavoro quando tutto sta esplodendo intorno a te, quindi assicurati di poter delegare quelle esplosioni a qualcuno”, consiglia Stoler. “Dovresti avere almeno una persona di cui poterti fidare al 100% a cui delegare”.

 

Pensa sempre al pubblico.

Quando sorgono i problemi, specialmente con la produzione di film indipendenti, devi prendere in considerazione il tuo budget quando cerchi di trovare le soluzioni. Potresti non poterti permettere tutta la complessa cinematografia che volevi creare. Pensare ai tuoi spettatori, ti aiuta a concentrati sulle riprese veramente essenziali.

 

“Che cosa aiuterà il pubblico a creare un coinvolgimento con la storia per capirla meglio? Che cosa ci serve davvero di questa scena? Abbiamo bisogno di sette riprese diverse? Ci serve la ripresa in elicottero o ci basta un primo piano di una persona che si dimostra preoccupata?” riflette Emetaz. “Pensa a quello che vedrai sullo schermo invece di pensare al piano originario”.

 

Metti tutto assieme in fase di post-produzione.

Trova la storia nel tuo filmato. Sfrutta tutte le tue conoscenze sul montaggio per ottenere il miglior film possibile: non importa se derivano dalla scuola di cinema, dal tuo amore ossessivo per i film o dai tutorial online. E poi, spargi la voce.

 

Monta il film.

Secondo Stoler “In ogni film ci sono tre film. Il primo e quello che hai immaginato e scritto. Il secondo è quello che hai ripreso. E il terzo è quello che puoi creare in fase di montaggio”. Proprio come il film può cambiare in modo inaspettato in fase di produzione, lo stesso può accadere in sala di montaggio e farai meglio a essere favorevole ai cambiamenti.

Menu di correzione colore di Adobe Premiere Pro sovrapposto a una foto di nuvole che sovrastano una montagna

Specialmente se non c’è modo di rigirare una scena, il montaggio è soprattutto una questione di problem solving. “C’è tanto bellissimo lavoro artistico e creativo, ma si tratta anche di sistemare tutto ciò che è andato storto”, afferma Emetaz. “Ancora una volta, pensa al pubblico e alla loro esperienza. Non hanno visto gli storyboard, né letto lo script. Tutto ciò che vedranno è quello che hai ripreso, quindi sfrutta quello che hai”.

 

Prova a ordinare o tagliare le scene diversamente. “Non ti fossilizzare sulla tua visione iniziale, perché probabilmente non si tratta dell’immagine migliore che hai”, consiglia Stoler. “Guarda ciò che hai e preparati a cambiare tutto”.

 

Salva costantemente il tuo lavoro nel tuo software di editing. Con Adobe Premiere Pro, il programma di editing di riferimento nel settore, puoi salvare tutto su cloud man mano che lavori. Applica un metodo nelle versioni e nei backup e metti alla prova i tuoi tentativi. Quando un montaggio ti soddisfa, rivedilo per assicurarti che ogni taglio sia voluto e abbia un significato.

 

Quindi, metti da parte il film per un po’. Rivedilo con occhi diversi e non smettere di fare tagli. Mostralo alla gente. Ripeti tutto il lavoro dall’inizio per un po’. “Rinchiuditi in casa e non uscire per un anno”, suggerisce Stoler. Una volta ottenuto un filmato grezzo che ti soddisfa, puoi perfezionare il dialogo, gli effetti sonori e la musica.

Menu di correzione colore di Adobe Premiere Pro sovrapposto a una foto di nuvole che sovrastano una montagna

Finalmente il film è pronto per la correzione dei colori e per la sfumatura dei colori. Applicando leggere modifiche, tu o il tuo editor potrete cambiare mood e tono, migliorando l’aspetto di tutto il film o mettendo in risalto alcune scene.

 

Promuovi il film.

Una volta che possiedi la versione finale, chiedi a tutti di promuovere il tuo film. “Proprio come in fase di pre-produzione, ti sarà utile disporre di qualcuno che sa parlare con la gente e mettersi in contatto con tutti”. In giro ci sono molti canali per la distribuzione: senza promozione nessuno vedrà il tuo film.

 

Inizia con un trailer e con un poster.

Se vuoi partecipare ai festival cinematografici o suscitare l’interesse dei distributori nel tuo film, devi realizzare un trailer o un video di presentazione. Il poster del film è anche estremamente importante nell’era delle piattaforme si streaming online. La prima e unica esposizione che qualcuno potrebbe avere al tuo film è quella immagine in miniatura, quindi prendi nuovamente in considerazione il tuo pubblico e quello che potrebbe attirarlo.

 

Partecipa ai festival.

Un modo per ottenere attenzione, in particolare per i film più piccoli, è quello di presentare il tuo film ai festival. Ogni anno nel mondo si svolgono migliaia di festival cinematografici, quindi non preoccuparti se non riesci a partecipare al Sundance. “Una volta che partecipi ai festival cinematografici, i distributori potrebbero contattarti o potresti vincere un riconoscimento e generare attenzione”, sostiene Emetaz.

 

Procurati un agente.

Un altro modo per far distribuire il tuo film è quello di assumere un agente di distribuzione. “Si occuperà di contattare tutti per tuo conto in cambio di una percentuale. Le vendite all’estero funzionano quasi esclusivamente tramite gli agenti di distribuzione”, spiega Emetaz.

 

Una volta terminato il tuo primo film, sarai molto più saggio (e un po’ più vecchio) rispetto agli inizi. Ora prendi quella conoscenza e mettila al servizio del tuo prossimo film.

Collaboratori

Ottieni di più con Adobe Premiere Pro.

Monta video di grande impatto per il cinema, la TV e il web, ovunque ti trovi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli…

Foto in bianco e nero di montagne innevate

Introduzione alla fotografia in bianco e nero.

Impara a usare la fotografia in bianco e nero per affinare le tue abilità e scattare foto perfette.

Utilizzo di un colorimetro per calibrare un monitor.

Come calibrare il monitor.


Scopri come gestire le impostazioni cromatiche del monitor per dare ai tuoi video i colori che cerchi.

Uomo al computer intento ad aggiungere audio a un video utilizzando Adobe Premiere Pro

Qual è il formato video migliore? Guida alla scelta.

Trova il formato video migliore per effettuare lo streaming, il download o il salvataggio su disco.

Utilizzo delle luci blu e viola per illuminare il volto di un soggetto

Luce high key e low key.


Scopri i vantaggi artistici della luce high key e low key nella videografia.

Acquista Adobe Premiere Pro

Crea filmati impeccabili con il software di montaggio video leader del settore.

Gratis per 7 giorni, poi 24,39 €/mese.