I formati audio più adatti agli appassionati del settore.

Non lasciarti sopraffare dalla varietà di scelta. Che tu voglia ascoltare, mixare o fare mastering, trova il formato di file audio adatto alle tue esigenze.

Foto di una donna che usa l’attrezzatura di mixaggio in uno studio di registrazione.

Nozioni di base sulla qualità del suono.

I codec audio sono programmi che comprimono i dati prima della trasmissione e li decomprimono una volta ricevuti. La loro velocità si indica in “bitrate” o “kbps”, ovvero in migliaia di bit elaborati al secondo, una misura variabile anche all’interno di uno stesso formato. In genere, un bitrate basso indica un file più piccolo, ma comporta anche una maggiore perdita di dati (e suono) in fase di compressione.

 

Altri fattori importanti sono la frequenza di campionamento e la profondità in bit. La frequenza di campionamento indica il numero di campionamenti (dell’ampiezza del segnale, ovvero del “suono”) al secondo. La profondità in bit si riferisce al numero di bit per campione. Più è alta, più pieno (e potenzialmente forte) è il suono. 

Foto grafica di un pannello di controllo con onde di frequenza sonore blu a neon.
Grafica in primo piano di onde di frequenza sonore con cerchi blu e rossi bokeh.
Foto di onde di frequenza sonore sullo schermo di un computer.

Formati con perdita di dati.

Questi formati audio comportano una perdita di dati durante la trasmissione. In fase di decompressione, non ritornano alle dimensioni originali, quindi sono più piccoli e perdono alcune onde sonore. Artisti e tecnici del suono, che si rinviano i file audio più volte, preferiscono non utilizzare questi formati, dato che si degradano a ogni esportazione. 

 

MP3
MP3 (MPEG-1 Audio Layer III) è il formato con perdita di dati più diffuso. I file MP3 funzionano sulla maggior parte dei dispositivi e le loro dimensioni possono corrispondere a un decimo di quelle dei file senza perdita di dati. Sono adatti ai consumatori, dato che il suono eliminato è per lo più inudibile, ma la questione è diversa per quanto riguarda la profondità in bit. “I file MP3 arrivano fino a 16 bit, il che non è l'ideale per lavorare”, spiega il produttore, tecnico del suono e del mixaggio Gus Berry. “Per registrare e mixare, ti servono file da almeno 24 bit”.

 

AAC
I file Advanced Audio Coding o AAC (detti anche MPEG-4 AAC) occupano molto poco spazio e sono adatti allo streaming, soprattutto da dispositivi mobili. Con meno di 1 MB per minuto di musica e un suono migliore rispetto a quello dei file MP3 a parità di bitrate, il formato AAC è utilizzato da iTunes/Apple Music, YouTube e Android.

 

Ogg Vorbis
Ogg Vorbis è il codec audio gratuito e open source utilizzato da Spotify. È ottimo per lo streaming, ma la compressione comporta una certa perdita di dati. Secondo gli esperti, è più efficace del formato MP3, con un suono migliore a parità di bitrate.

 

Formati senza perdita di dati.

Una volta decompressi, questi file tornano alle dimensioni originali, mantenendo intatta la qualità del suono. I professionisti del settore vogliono avere a disposizione tutte le onde sonore originali, quindi preferiscono questi formati. Le loro dimensioni possono essere diverse volte superiori rispetto a quelle dei file MP3. I bitrate dei file senza perdita di dati dipendono dal volume e dalla densità della musica, più che dalla qualità dell’audio. 

 

FLAC
Il formato Free Lossless Audio Codec consente una compressione senza perdita di dati, è gratuito e open source.

 

ALAC
Anche il formato Apple’s Lossless Audio Codec consente una compressione senza perdita di dati, ma funziona solo sui dispositivi Apple.

 

Formati non compressi.

Questi file hanno sempre le stesse dimensioni dall’inizio alla fine.

 

WAV
Il formato WAV (Waveform Audio File) conserva tutti i dati originali ed è quindi il formato ideale per gli ingegneri del suono. “Presenta una maggiore gamma dinamica e una profondità in bit superiore”, dice del suo formato preferito Lo Boutillette, produttrice creativa e tecnica del suono. “Non c’è qualità migliore”, concorda Berry. “Può essere a 24 o a 32 bit, con una frequenza di campionamento fino a 192 kHz o anche superiore”. Se collabori con altre persone e i file vengono rinviati più volte, il formato WAV contiene i codici temporali, il che può essere utile soprattutto per i progetti video dove la sincronizzazione esatta è importante.

 

AIFF
Inizialmente creati da Apple, i file AIFF (Audio Interchange File Format) sono come i WAV, nel senso che conservano interamente il suono originale e occupano più spazio dei file MP3. Sono compatibili con Mac e PC, ma non contengono i codici temporali, quindi non sono altrettanto utili per l’editing e il mixaggio.

 

DSD
Il formato audio Direct Stream Digital non è compresso e ha un’alta risoluzione. Questi file codificano il suono tramite un processo di modulazione della densità di impulso. Sono molto grandi e hanno una frequenza di campionamento fino a 64 volte superiore a quella di un normale file audio per CD, quindi richiedono l’utilizzo di impianti audio eccellenti.

 

PCM
Il formato Pulse-Code Modulation, utilizzato per CD e DVD, cattura forme d’onda analogiche e le trasforma in bit digitali. Fino all’arrivo del formato DSD, si pensava che fosse il livello di qualità massimo raggiungibile più vicino all’audio analogico.

 

Qualche parola conclusiva sui formati audio digitali.

Se ascolti solo registrazioni di parlato, oppure ascolti musica senza pretese e utilizzare file non ottimizzati non è un problema, puoi optare per un formato compresso e risparmiare spazio nella tua raccolta di brani. Se però hai un orecchio più allenato e utilizzi attrezzatura audio più costosa, potresti preferire i formati che consentono una compressione senza perdita di dati per i vantaggi che offrono in termini di fedeltà e risparmio di spazio. Se devi registrare o manipolare audio o combinarlo con clip video, scegli sempre i formati non compressi e senza perdita di dati. Qualsiasi siano le tue esigenze, c’è un formato di file audio adatto a te.

Collaboratori

Ottieni di più con Adobe Audition.

La tua postazione di lavoro professionale per la registrazione e il mixaggio audio, per creare podcast e progettare effetti sonori.

Potrebbero interessarti anche questi articoli…

Fotografo e personale al lavoro in uno studio fotografico.

Come creare un elenco di riprese.

Scopri come creare un elenco di riprese in grado di dirigere la troupe tra le diverse configurazioni delle fotocamere.

Due personaggi in una foresta visti da dietro la videocamera

Come realizzare un video musicale.

Passa dall’ideazione alla post-produzione del tuo video musicale con questi suggerimenti di registi veterani.

Mixaggio della musica in uno studio di registrazione.

I tipi di file più adatti al tuo audio

Con o senza perdita di dati? Compressi o non compressi? Trova il formato audio più adatto alle tue esigenze.

Foto della disposizione di uno studio di registrazione domestico.

Come allestire uno studio di registrazione domestico

Esplora le regole di base per creare uno spazio in casa che ti consenta di registrare audio di alta qualità.

Acquista Adobe Audition

Crea registrazioni, mixa e ottimizza l'audio con il miglior software del settore per l'editing audio digitale.

Gratis per 7 giorni, poi 24,39 €/mese.