Consigli pratici sulla fotografia notturna.

Nella fotografia notturna devi fare molta attenzione alla luce e ai movimenti dei soggetti, utilizzando un’attrezzatura
che mantenga alta la qualità dell’immagine pur aumentando gli ISO.

 

Nella fotografia notturna devi fare molta attenzione alla luce e ai movimenti dei soggetti, utilizzando un’attrezzatura che mantenga alta la

qualità dell’immagine pur aumentando gli ISO.

Fotografia notturna di una città in Cina
Fotografia notturna di un telefono tenuto in mano

Sempre più diffusa grazie agli smartphone di ultima generazione, la fotografia notturna è quel tipo di fotografia che opera in situazioni di scarsa luminosità, permettendo ad esempio di fotografare il cielo di notte.

 

Per creare ottime foto di notte il segreto è trovare l’equilibrio tra tempo di esposizione, apertura del diaframma e ISO (sensibilità del sensore). Quando il sole tramonta e lascia spazio alla luna, le stelle e luci artificiali, bisogna infatti conoscere apposite le tecniche di fotografia notturna, considerando che le fonti luminose – sia naturali che non – non vengono sempre in nostro aiuto, ma al contrario, talvolta possono presentarsi come dei veri e propri ostacoli ad una buona fotografia.

 

Nonostante i limiti e le difficoltà, se si riesce a gestire bene le poche fonti luminose a disposizione, la notte dà al fotografo infinite possibilità: si può immortalare la città con le sue luci, soggetti illuminati dalla luna, astri e stelle. Tuttavia, ad ambientazioni diverse corrispondono tecniche e impostazioni di fotografia notturna differenti e, inutile dirlo, la strumentazione può fare la differenza. 

Fotografia notturna di un telefono tenuto in mano
“La luce ti consente di sperimentare fino a quando non raggiungi il risultato desiderato, senza preoccuparti delle varie tonalità”.
Alex Tan

Di base si possono distinguere diversi tipi di fotografia notturna:

 

  • Street: caratterizzata dalla presenza di diverse fonti luminose artificiali e di soggetti in movimento che non posano per te. In un’ambientazione simile, saranno necessari tempi di esposizione molto brevi e non sarà possibile fotografare il cielo di notte o le stelle.
     
  • Astrofotografia: da provare soprattutto quando si è in montagna, dove le uniche fonti luminose a disposizione sono quelle degli astri. È importante comunque considerare due aspetti che possono ostacolare il successo della fotografia: l’inquinamento luminoso e il movimento delle stelle. Non si può esporre troppo a lungo – a meno che non si stia ricercando uno star-trail.
     
  • Paesaggistica: in cui tutti gli oggetti sono immobili e dunque si potrà utilizzare un’esposizione anche molto lunga.

 

Se non sai da che parte iniziare per scoprire come fare fotografie notturne, sappi che si considerano tali le foto scattate tra tramonto e alba. Durante questo arco di tempo, a sole già tramontato, sarà possibile creare fantastici gradienti di luminosità nel cielo selezionando la giusta esposizione. Il risultato? Un bellissimo cielo luminoso all’orizzonte che gradualmente si scurisce, anche se ciò che vedono i tuoi occhi è in realtà un cielo quasi nero.

 

Prosegui nella lettura e impara come creare questo e altri effetti scoprendo tutti trucchi della fotografia notturna.

 

Impostazioni della fotocamera per le fotografie notturne.

Fotografia notturna di un telefono tenuto in mano

Spesso una delle domande principali è come impostare la macchina fotografica per foto notturne. Le impostazioni da adottare infatti sono completamente differenti dalle fotografie che puoi scattare di giorno. Nonostante in entrambi i casi è essenziale l’equilibrio tra apertura del diaframma, tempo di esposizione e ISO, nella fotografia notturna il legame tra questi tre elementi si fa ancora più stretto, per questo è essenziale cogliere la giusta combinazione di impostazioni nella fotografia notturna per ottenere un risultato davvero eccellente.

 

Come per la fotografia diurna è importante considerare la luce solare, così lo è per la fotografia notturna la luce lunare e il suo ciclo. Quando è bassa infatti creerà delle ombre più lunghe, e viceversa, mentre se si scatta quando c’è la luna piena, bisogna considerare una fonte luminosa più forte e in base a questa, oltre a ridurre il tempo di esposizione, si dovrà regolare l’obbiettivo per sfruttarla a proprio vantaggio scegliendo una posizione idonea per i propri scatti.

 

In questo caso, non si dovrà trascurare il movimento della luna stessa: immortalandolo grazie a un tempo di esposizione lungo esso può infatti rendere più morbide le ombre, ma al tempo stesso può essere un’arma a doppio taglio, poiché troppo movimento tende ad “appiattire” la luce. Nota bene che nel far questo dovrai lasciare fuori dalla scena la fonte luminosa stessa, cioè la luna, in quanto potrebbe esserne distorta la forma.

 

L’ISO.

Fotografia notturna di un telefono tenuto in mano

L’ISO è un elemento fondamentale nella fotografia notturna in quando adatta la sensibilità della macchina fotografica in base all’illuminazione presente in quel dato momento.

 

Se per esempio stai fotografando durante la luna piena, un consiglio è partire con f/2 e 30 secondi a ISO 100  e regolare in seguito questi tre elementi per trovare il bilanciamento più adeguato.

 

Se stai utilizzando un treppiede, procedi impostando un ISO basso. Questo ti permetterà di mantenere una qualità elevata dell’immagine e di selezionare dei tempi di scatto più lunghi per ottenere del movimento nella tua foto.

 

In questo modo, procedendo per prove e tentativi, il rischio è passare letteralmente ore cercando la giusta combinazione di elementi. Un trucco però è quello di usare la Regola dell’ISO 6400. Secondo quest’ultima, infatti, a ISO 6400 la sensibilità del sensore è pari a 64 volte in più di quando invece è settato a 100. Questo significa che impostando ISO 6400 a parità di apertura focale si può ridurre il tempo di esposizione di 64 volte ed ottenere lo stesso risultato.

 

Consigliamo di trovare il giusto tempo di esposizione partendo da un ISO 6400 per poi ridurlo a 100 e moltiplicare il tempo di esposizione per 64.

Fotografia notturna di un telefono tenuto in mano
“Dato che è buio, ci vorrà più tempo prima che la foto sia rilevata sul sensore o sulla pellicola. Quindi la velocità dell’otturatore dovrà essere più lenta per ottenere lo scatto.”

           Anthony Pidgeon

 

L’apertura.

Fotografia notturna di un telefono tenuto in mano

L’apertura focale permette di regolare quanta luce arriva sul sensore. Questa viene regolata da un diaframma montato all’interno dell’obbiettivo ed ha un funzionamento simile a quello della pupilla umana che si restringe o si dilata regolando la quantità di luce che entra. Un’apertura piccola fa entrare meno luce e viceversa,  mentre i valori descrivono l’ampiezza del diaframma.

 

Se vuoi scattare foto notturne in città, tieni gli ISO bassi e mantieni i tempi di esposizione brevi; se invece vuoi fotografare il cielo di notte allora ti  consigliamo di impostare un’apertura focale a f/2.8, mantenendo gli ISO alti e tempi di esposizione anche tra i 15 e i 30 secondi, a seconda della fotocamera.

“Devi aprire l’otturatore per un tempo che va da dieci secondi a un minuto, a seconda di ciò che vuoi ottenere, ma in quel lasso di tempo, se la fotocamera si muove, l’inquadratura sarà sfocata”.

           Samuel Nute

 

Il flash.

Fotografia notturna di un telefono tenuto in mano

Quando si scatta una foto a un paesaggio notturno il flash è del tutto inutile: poggiando la tua macchina fotografica su un treppiede infatti, basterà tenere l’ISO relativamente basso per ridurre il rumore, bilanciandolo con tempo di esposizione e apertura del diaframma, la quale servirà a dare profondità di campo. Se stai immortalando una fotografia notturna ambientata su una strada con soggetti in movimento, come ad esempio automobili, un’esposizione lunga ti permetterà di rappresentarle come delle scie luminose. Il flash, come si potrà intuire, risulta inutile e anche dannoso, poiché non basterà ad illuminare un’area ampia come quella di un paesaggio.

 

Come fotografare di notte senza flash, dunque? Se stai immortalando delle persone, impostare una lunga esposizione può risultare controproducente, poiché si tratta di soggetti animati, che saranno in movimento – seppur impercettibile – anche quando staranno in posa. In questo caso le impostazioni per una fotografia notturna, considerando ad esempio un soggetto fermo, comprenderanno un’apertura ampia del diaframma,  tempi di esposizione tra 1/60s e 1/80s e un focale di 50mm, bilanciando successivamente l’ISO per trovare l’esposizione giusta.

 

Talvolta il flash può comunque venirci in aiuto, specialmente quando non possiamo gestire il movimento del soggetto che stiamo immortalando, o sfruttare al meglio le fonti luminose presenti. A tal proposito, va ricordato che se si cambia l’apertura focale, si modificherà anche la luce sul soggetto; se invece si gioca con l’ISO e l’esposizione, si agirà sulla luce della scena da immortalare.

 

Attrezzatura necessaria.

Fotografia notturna di un telefono tenuto in mano

Scattare una fotografia notturna discreta può richiedere parecchio tempo e anzi, può diventare un’impresa impossibile se non si dispone della corretta attrezzatura.

 

Gli strumenti essenziali per scattare una splendida fotografia notturna sono:

 

  • Un treppiede, essenziale per fare fotografie di notte, in quanto la fotocamera deve rimanere immobile. In alternativa potrai utilizzare una base d’appoggio ben stabile.
     
  • Un telecomando per scatto remoto, così da non toccare affatto la macchina fotografica. In alternativa, puoi sempre attivare l’autoscatto.
     
  • Un grandangolo e l’estremità 18mm del zoom kit da 18-55mm, se ancora sei alle prime armi e vuoi fotografare le stelle di notte. Se invece il tuo soggetto sarà la luna, dovrai montare l’obbiettivo più lungo a tua disposizione.
     
  • Una torcia, meglio se a LED rossi. Evita quelle troppo potenti poiché potrebbero inficiare sull’esposizione.
     
  • Filtri UV, anche se la questione è parecchio controversa. Molti fotografi infatti li utilizzano come protezione per le ottiche, altri invece li reputano un pericolo per l’esito finale dello scatto, poiché potrebbero essere la causa di riflessi interni.
     
  • Fasce anticondensa, molto utili soprattutto contro l’umidità. Proprio come succede ai vetri delle auto parcheggiate infatti, questa può finire sull’obbiettivo e di fatto nella fotografia notturna è un problema parecchio diffuso. In alternativa, puoi anche mettere una calza attorno all’obbiettivo.
     
  • Batterie di scorta: la fotografia notturna richiede tempo e, soprattutto quando si scatta con lunghe esposizioni, la batteria tende a scaricarsi in poco tempo, per questo è sempre bene premunirsi con una di scorta.
     
  • Trappole fotografiche notturne: se vuoi immortalare un animale notturno nel bosco, l’ideale è installare delle fototrappole che si azionano al suo passaggio. Sono dotate di led infrarossi così da non spaventare la fauna selvatica che vorrai immortalare, ma in questo caso le foto saranno in bianco e nero. Altri modelli invece sono dotati di flash, così da poter ottenere delle foto a colori. 

 

Come fare foto di notte.

Fotografia notturna di un telefono tenuto in mano

A seconda insomma della scena da immortalare, dovrai adottare diverse tecniche di fotografia notturna. Di notte infatti puoi fotografare qualsiasi soggetto tu voglia, e anzi con il buio, spesso molte scene acquisiscono un fascino particolare che non viene colto di giorno, specialmente in fase di post elaborazione, utilizzando strumenti di edit come Photoshop. Comunque, se vuoi fotografare paesaggi notturni oppure soggetti in movimento, è tutta una questione di bilanciamento, tempo e…pazienza.

 

Come fotografare il cielo di notte.

Fotografia notturna di un telefono tenuto in mano

I colori del cielo dal crepuscolo in poi permettono di catturare delle immagini davvero suggestive, specialmente in concomitanza con fenomeni atmosferici o congiunzioni astrali.

 

Quando ad esempio avviene che gli astri più luminosi come Venere e la Luna si allineano, a sera si crea una luce davvero particolare che è possibile ammirare in primavera e autunno nell’emisfero settentrionale.

 

In tali condizioni, seguendo queste impostazioni per la fotografia notturna, riuscirai a immortalare uno scatto indimenticabile: 

 

  • Utilizza un obbiettivo grandangolare. Se vuoi scattare durante una congiunzione astrale, usa quello sui 50mm.
     
  • Diaframma: f/4
     
  • Tempo di esposizione: 4s su 80mm. Se utilizzi i grandangoli puoi spingerti anche fino a 30s.
     
  • ISO: 400

 

A seconda dell’orario, si avrà una luce differente. In base a questa regolerai diaframma e tempo di scatto

 

Come fotografare la luna di notte.

Fotografia notturna di un telefono tenuto in mano

Nella fotografia notturna, la luna è uno dei soggetti più immortalati, perché può essere ben visibile anche in città nonostante l’inquinamento luminoso.

 

Per scattare una foto ben definita alla luna, dovrai posizionare la tua macchina fotografica sul treppiede attivando il blocco dello specchio e impostare l’ISO a valori mediamente alti e tempi di esposizione molto brevi. Fotografala quando sarà alta nel cielo per ottenere uno scatto meno sfocato.

 

Puoi provare anche ad usare le seguenti impostazioni:

 

  • Utilizza un obbiettivo tra 300/600 mm
     
  • Diaframma: f/5.6
     
  • Tempo di esposizione: 1/500 di secondo
     
  • ISO: tra 400 e 800.

 

Come fotografare le stelle.

Fotografia notturna di un telefono tenuto in mano

Fotografare le stelle non è complicato e può darti grandi soddisfazioni. Dirigiti in una location senza – o con pochissimo – inquinamento luminoso e scatena la fantasia. Puoi fotografare il cielo di notte anche con diversi obbiettivi a seconda del risultato che vuoi ottenere.

 

Se vuoi immortalare la Via Lattea ad esempio, puoi seguire queste impostazioni:

 

  • Scegli un obbiettivo corto, se hai una reflex APS-C va bene un 35mm, se hai una full-frame, 50mm.
     
  • Diaframma: f/1.4-2.8, quindi molto aperto.
     
  • Tempo di esposizione tra i 10 e i 30 secondi. Mantenendo un’esposizione molto lunga potrai attuare la tecnica di fotografia notturna  star-trail, ottenendo le scie stellari.
     
  • ISO: tra 1600 e 3200, quindi alto.
Fotografia notturna di un telefono tenuto in mano

Come fotografare le persone di notte.

Fotografia notturna di un telefono tenuto in mano

Fotografare le persone di notte non è semplice, soprattutto perché sono soggetti in costante movimento. Se non si vuole utilizzare il flash, tieni il diaframma molto aperto, poiché dovrai far entrare quanta più luce possibile. Imposta tempi di esposizione non eccessivamente lunghi. Potrai regolarti in base sia al movimento della persona da immortalare che all’apertura focale utilizzata. Infine, procederai bilanciando di conseguenza l’ISO. Se devi ricorrere al flash, puoi utilizzare la luce AF ausiliaria o quella di pre-flash aiutando l’autofocus. In alternativa, puoi sempre utilizzare un flash esterno.

 

Tra le tecniche di fotografia notturna utilizzate per fotografare le persone di notte con il flash, vi è quella dello Slow-Sync, che prevede tempi di esposizione più lenti e dunque l’immobilità del soggetto nell’immagine, ma al tempo stesso, l’apparizione di scie di motion blur causato probabilmente dal movimento del fotografo oppure della persona che si sta immortalando.

 

Collaboratori

 

  • Anthony Pidgeon: Fotografo statunitense, della città di Portland,  specializzato in musica, celebrità ed eventi.
     
  • Samuel Nute: Fotografo autodidatta, si cimenta sopratutto nella fotografia minimalista,  orizzonti, architetture, luci ed ombre.
     
  • Alex Tan: Forografo ed insegnante di Los Angeles, specializzato in riconoscimento e costruzione dei brand.

Potrebbero interessarti anche questi articoli…

Foto con effetto bokeh di uno skyline urbano di notte.

Come aggiungere sfondi bokeh alle fotografie.

Impara tutti i segreti del meraviglioso effetto di sfocatura, che darà alle tue foto un tocco davvero straordinario.

Crea un effetto di testo subacqueo in Photoshop.

Crea un effetto subacqueo.

Unisci il testo distorto con le tue immagini per una finitura 3D che realizzerà un incredibile effetto subacqueo.

Foto in primo piano di un uomo davanti a un muro con graffiti di cuori.

L'arte del primo piano in fotografia.

Un primo piano ben realizzato racconta una storia. Scopri subito come affinare le tue capacità in questo campo.

Fumetto di Thor con Mjölnir.

Come creare un fumetto.

Scopri l'arte dei racconti in sequenza e affina le tue abilità per cimentarti in questo incredibile genere.

Prova subito Lightroom.

Lightroom (1 TB)
Accedi a Lightroom su desktop e mobile con altri servizi Creative Cloud.

12,19 €/mese

|

Lightroom (1 TB)
Accedi a Lightroom su desktop e mobile con altri servizi Creative Cloud.

12,19 €/mese.

Fotografia (20 GB)
Accedi a Lightroom, Lightroom Classic e Photoshop su PC e iPad.
12,19 €/mese

 

|

Fotografia (20 GB)
Accedi a Lightroom, Lightroom Classic e Photoshop su PC e iPad.
12,19 €/mese.

Studenti e docenti

19,83 €/mese.

Risparmia più del 45% sull'intera raccolta di app Creative Cloud. Scopri di più


Tutte le applicazioni

60,99 €/mese

Accedi a Photoshop su desktop e iPad e all'intera raccolta di app creative.  Scopri di più